Cosa fare se serve attivare l'ADI

L'Assistenza Domicialiare Integrata può essere attivata dal medico curante oppure dal reparto ospedaliero che dimette il paziente.

Cosa fare se serve una mammografia

Per prenotare una mammografia è necessario telefonare al CUP Unificato AOUP/ASL5 (050 995995).

Se la mammografia viene richiesta dal medico curante con urgenza per sospetta patologia, la ricetta va portata direttamente all'Unità Operativa di Senologia dell'Ospedale Santa Chiara dove le infermiere provvedono a creare rapidamente il percorso necessario alla paziente.

Cosa fare se serve una protesi mammaria

Sia la prima richiesta che il rinnovo devono essere effettuata dalla fisiatra.

Con la ricetta della fisiatra è necessario recarsi al Distretto Sanitario di competenza, ottenere l'autorizzazione, quindi recarsi ad una Sanitaria di gradimento per ritirare gratuitamente la protesi.

La protesi può essere rinnovata ogni due anni oppure in caso di rottura o di sensibili variazioni del peso corporeo.

In particolare, per le pazienti pisane:

  • La paziente deve chiedere un appuntamento con la dottoressa Geri (telefonare al n. 050 959822, signora Concetta)
  • la Dott.ssa farà richiesta con causale che lei stessa inoltrerà all'Ufficio Invalidi Civili per essere vidimata dal medico legale
  • La paziente riceverà per posta la richiesta vidimata e con questa potrà andare a ritirare la protesi nel negozio di articoli sanitari da lei scelto
  • La paziente dovrà richiedere un appuntamento con la dott.ssa Geri per fare il collaudo della protesi
  • La ricevuta del collaudo dovrà essere consegnata dalla paziente al negozio dove è stato fatto l'acquisto.

Cosa fare se serve fisioterapia per linfodrenaggio

La visita deve essere richiesta dal medico curante ed effettuata:

da un fisiatra presso l'Ospedale di Santa Chiara, Riabilitazione Oncologica, Edificio 6 (paziente in fase acuta)

oppure

da un fisiatra presso ASL5 via Garibaldi (paziente in fase cronica)

Cosa fare se serve una parrucca

E' possibile rivolgersi direttamente al servizio parrucche dell'AOPI.

Cosa fare se serve una guaina

La richiesta della guaina e il suo rinnovo ogni 6 mesi deve essere fatta dalla fisiatra.

Se la paziente è stata operata da meno di un anno, la Fisiatra competente è la dottoressa Falossi del Reparto di riabilitazione del Centro Senologico. La fisiatra, dopo aver sottoposto la paziente a visita, prescrive il tipo di guaina necessaria. La prescrizione va portata al CUP che invierà a casa della paziente l'autorizzazione affinchè possa acquistare la guaina presso una Sanitaria. Una volta acquistata la Fisiatra dovrà fare il collaudo.

Se la paziente è stata operata da più di un anno, la Fisiatra competente è quella della ASL5 di via Garibaldi che seguirà il percorso sopra indicato.

Cosa fare se servono supporti

Per lettini, carrozzine, deambulatori occorre rivolgersi al Distretto Sanitario di competenza con la richiesta del medico curante (medico mecicina generale) redatta sul modulo apposito nonche' con la copia del verbale di invalidità civile. Il modulo puo' essere ritirato presso i Distretti o presso gli Uffici Assistenza Protesica.
Una volta compilato e corredato delle informazioni necessarie, il paziente deve richiedere una visita specialistica alla Usl: infatti e' il Fisiatra della Usl che prescrive l'ausilio necessario

Cosa fare se serve trasportare disabili

Il paziente può attivare la richiesta di trasporto da casa ad una struttura sanitaria per cure o trattamenti, previa richiesta del medico di base che deve anche indicare il mezzo necessario (autovettura, mezzo attrezzato, ambulanza), chiamando:

MISERICORDIA - SERVIZIO AMBULANZE

Pisa 050 532990 / 050 9912900

Cascina 050 702625

PUBBLICA ASSISTENZA - SERVIZIO AMBULANZE

  • Pisa 050 941511
  • Vicopisano 050 798368

CROCE ROSSA ITALIANA

  • 050 830101
  • 050 830360

La richiesta del medico di base è necessaria solo per la prima attivazione del servizio, successivamente provvederà lo specialista.

Trasporto alle sedute di chemioterapia

Per i pazienti che appartengono alla ASL 5 ma provengono da fuori Pisa, è ora possibile accedere GRATUITAMENTE al servizio trasporto dal domicilio alla chemioterapia effettuato dalla Misericordia o dalla Pubblica Assistenza.
Per beneficiare della gratuità del servizio è necessario:

  • appartenere alla Asl 5
  • presentare un documento redatto dai medici della chemioterapia che attesti:
    • numero sedute di chemioterapia
    • necessità del trasporto
    • modalità del trasporto (barella, carrozzina, automobile)

Cosa fare se serve richiedere l'invalidità civile

Per presentare la domanda è necessario un certificato medico telematico che il medico di base deve trasmettere all’INPS.
Dopo aver trasmesso il certificato (ha validità di tre mesi) occorre presentarsi ad un patronato con una copia del certificato, del documento d’identità e del codice fiscale.
Il patronato provvederà ad inviare la domanda per via telematica e comunicherà al richiedente la data della visita all’USL entro 15 giorni, per questo motivo è fondamentale un recapito telefonico. Dopo 60 giorni dalla visita si avrà il responso dell’USL. La prestazione economica viene erogata a partire dal riconoscimento del 74% di invalidità, ma solo per richiedenti non lavoratori o pensionati.

Indennità di accompagnamento
La procedura per la richiesta di questa prestazione è la medesima dell’invalidità civile. Per questo è consigliato presentare le domande contemporaneamente in modo da evitare la scadenza del certificato del medico di base. Questa prestazione è totalmente slegata dal reddito e viene richiesta dal medico di base per: impossibilità di deambulare autonomamente e/o impossibilità di compiere gli atti quotidiani della vita autonomamente.

Riconoscimento dell’handicap legge 104
Questa domanda viene presentata a partire dal certificato inviato dal medico di base all’INPS, la procedura è però differente da quella dell’invalidità civile e dell’indennità d’accompagnamento ma si consiglia di presentarla nello stesso momento in modo da non far scadere il certificato del medico di base.
I verdetti alla domanda possono essere tre ma solo nel caso di una situazione riconosciuta di “handicap in situazione di gravità” si ottengono delle agevolazioni lavorative: 3 giorni di permesso al mese o riduzione dell’orario lavorativo. Anche il parente (residente a non più di 80km dal richiedente) può richiedere 3 giorni di permesso al mese oppure un concedo straordinario della durata massima di 2 anni (quest’ultima opportunità prevede di risiedere con il paziente) .
è possibile fare ricorso ma non per via amministrativa. La causa deve essere aperta entro 6 mesi dalla notifica del verbale contattando un patronato.

Pensione di inabilità- assegno di invalidità
Nel caso di dipendenti privati si hanno due possibili forme di pensione di invalidità: assegno ordinario di invalidità e pensione di inabilità.
COSA serve per fare domanda:

  • Modello SS3 inviato telematicamente dal medico di famiglia
  • Fotocopia del documento d’identità e del codice fiscale
  • Dati del coniuge
  • Data di matrimonio
  • Redditi di entrambi i coniugi
  • Codice IBAN su cui effettuare il pagamento

Nel caso di dipendenti pubblici non esiste nessuna compatibilità con l’attività lavorativa ma si può richiedere: l’inidoneità alla mansione, l’inabilità alle mansioni d’istituto, la pensione di inabilità.
COSA serve per fare domanda:

  • Certificato del medico di famiglia (normale)
  • Documento d’identità
Nel caso della pensione di inabilità la documentazione è la stessa del privato.